Tu sei qui

Cos'è l'Autorità d’Ambito

Con la Legge regionale n. 13, del 20 gennaio 1997, "Delimitazione degli ambiti territoriali ottimali per l’organizzazione del servizio integrato e disciplina delle forme e dei modi di cooperazione tra gli Enti Locali ai sensi della Legge n. 36 del 5 gennaio 1994 e s.m.i.. 'Indirizzo e coordinamento dei soggetti istituzionali in materia di risorse idriche' (conosciuta come Legge Galli, ora sostituita dal Dlgs n. 152/2006 ss.mm.ii.) la Regione Piemonte ha definito le norme che regolano la riorganizzazione dei Servizi Idrici in Piemonte, avviando così concretamente il profondo processo di ristrutturazione previsto dalla legge Galli.

Il Piemonte è stato articolato in sei Ambiti Territoriali Ottimali:

ATO1 – Verbano, Cusio, Ossola, Pianura novarese;

ATO2 – Biellese, Vercellese, Casalese;

ATO3 – Torinese;

ATO4 – Cuneese;

ATO5 – Astigiano, Monferrato;

ATO6 – Alessandrino.

La nuova organizzazione prevede una netta distinzione tra il livello di governo dell’Ambito, costituito dagli Enti Locali associati nella Autorità d’Ambito, ed il gestore, indipendentemente dalla forma e natura di quest’ultimo (pubblico o privato).

Lo snodo fondamentale del processo di riorganizzazione dei servizi idrici è, quindi, rappresentato dalla costituzione delle Autorità d’Ambito che hanno il compito di garantire gli utenti e la collettività, sulla qualità ed i livelli del servizio e sul rispetto degli obblighi da parte dei gestori.

La Legge Regionale 13/97 prevede la Convenzione come forma di cooperazione tra gli Enti Locali ricadenti in ciascun Ambito.

Nell'ATO6 sono ricompresi n.148 Comuni appartenenti alla Provincia di Alessandria (134 Comuni) e alla Provincia di Asti (14 Comuni).

L'Autorità d'Ambito ATO6 "Alessandrino" ha sede in Corso Virginia Marini 95Alessandria.